Home > Argomenti vari > EMOZIONI

EMOZIONI

30 Luglio 2010

oggi credo sia il giorno giusto per scrivere un po di emozioni, era da tanto, un po per voglia, un po per tempo….

Il tempo giusto, il clima adatto il giusto assetto tra malinconia e dolcezza…

E’ il momento bello per ritrovarsi con un foglio bianco davanti, ed un fiume di parole in piena che ti sgorga in testa…

Parto da quello che sento, chiudendo gli occhi, non so se mai arriverò ad una fine ma queste sono le mie emozioni… di oggi…

Sole, caldo, freddo, vento, deserto, fiume, acqua, occhi, sorrisi, mani, pianti, terrore, orrore, paura, ancora pianti, pioggia, corse, spari, benzina, cibo, foto, ritratti, tramonti, suoni, musica, tribù, segni, ferite, dolore, morte, gelo, scorpioni, riso, odore acre, mai puzza, odore forte, volo, aereo, tuffi, sorrisi, risate, morsi, corsa, moto, vento , schainto, musica, pianto, sangue, sangue, pianto, pianto, pianto, volto, capelli, ritratto, mondo finito, crollo, dolore, ferite, anima, battiti, impulsi, rabbia, rabbia, sfogo, male, male dentro, nostalgia, lago, mani, incontro, pelle, emozione e sensazione, orgoglio, frenata, schianto, pianto, ancora pianto, calci, pugni, odio, pillole, birra, fumo, musica assordante, divano, corsa, corsa, corsa, parco, profumo d’aria pulita, alba, erba tagliata, profumo di erba tagliata, brina, rinascita, guru, sorrisi, occhi persi, occhi nuovi, piccoli, gioia nuova, figlio, mani picole, mondo da imparare, notti insonni, nuovo mondo, felicità e sorrisi sempre…

Nel mio viaggio di oggi ho incontrato un giovane viso dolce di una ragazza di colore, l’ho ossevata, era stanca, le ho offerto il mio posto nello stupore di tutti, è nigeriana, non ha detto nulla tutte cose che già conoscevo, ha sofferto tutto  si vedevano i segli sul suo ventre, non aveva documenti e tanta paura indifesa, con la speranza di una vita bella, mi ha ricordato la mia Africa, vista con occhi diversi da chi dentro ci ha lasciato il cuore, mi ha ricordato di dare sempre tutto e mai chiedere, mi ha ricordato quei bimbi, mi ha ricordato da dove vengo e per dove sono passato… poi è scesa mi ha guardato sfiorato la mano ed andata via… in quella carrozza affollata c’erano solo i suoni dolci della sua terra, i suoi occhi e le sue speranze… ed un modo convulso di gente muta, che non conosce la mia Africa…

Avrei voluto una canzone per ricordare un posto, sono corso per ascoltarla per ricordare ora lascio le mie parole…

il primo sorriso, sulle sponde di quel laghetto artificiale

il vento portava via il  tuo profumo e tingeva l’aria

coi tuoi capelli,

avevo la luce dei tuoi occhi nei miei,

mi riempivo di te,

e mentre le nubi correvano

i ricordi sparivano

e mentre il sole scendeva io ero li a guardare la tua immagine riflessa

mentre lo specchio d’acqua

si intorbidiva di notte

la tempesta scendeva

notti insonni senza te

ne dovevano ancora passare…

ma mi manchi ancora sai…

sarai nel cuore

ed in tutto ciò che sono…

sarai…

 

buon continuo mondo blog….

Categorie:Argomenti vari Tag:
  1. Blog Admin
    6 Dicembre 2011 a 22:19 | #1

    caspita…dopo tanto tempo ti rileggo e le emozioni che mi comunichi sono sempre disarmanti…ciao…

  2. Blog Admin
    11 Maggio 2012 a 10:39 | #2

    grazie mille

I commenti sono chiusi.